SIETE QUI

AUTRICE DI TESTI E IMMAGINI

Monica Dengo

 

scrittura corsiva

 

monica dengo calligraphy

 

monica dengo calligraphy

 

monica dengo calligraphy

 

scrittura corsiva

scrittura corsiva

scrittura corsiva

scrittura corsiva

scrittura corsiva

PAGINE CORRELATE

scrittura corsiva

Alfabeto ductus e legature

Nella scrittura italica l’alfabeto può essere diviso in cinque gruppi: 

Gruppo verde - Lettere onde e aste
Gruppo blu - Lettere a rimbalzo
Gruppo arancio - Lettere antiorarie e a uovo
Gruppo viola - Lettera chiocciola
Gruppo rosa - Lettere zig-zag

Il corsivo italico si ottiene legando tra loro le lettere minuscole dello stampatello con un tratto diagonale od orizzontale (legatura), che permette di scrivere senza (o quasi) sollevare la penna dal foglio.

È importante avere chiaro che le legature servono appunto a legare due lettere tra loro, di conseguenza le parole non devono iniziare con una legatura.

Ci sono alcune eccezioni, come la ‘r’ che è preferibile non legare alla lettera successiva, almeno fino a quando il bambino non abbia completamente sviluppato la scrittura corsiva.

Quasi tutte le lettere si eseguono con un unico tratto di penna, cioè senza sollevamenti, a eccezione di f i j t x

 

Il ductus

Lettere onde e aste  i l j u y t
La penna parte sempre dall'alto e scende verticalmente con un'asta o un'asta cui segue una curva. 

Lettere a rimbalzo  r n m h k p b
Il movimento della penna è simile a quello di una pallina che cade in linea retta e poi rimbalza eseguendo una curva. 

Lettere antiorarie o "a uovo"  a d g q f o c s
La penna parte dall'alto e si muove in senso antiorario. Nelle lettere a d g q esegue una forma a uovo, cui si aggiungono aste lunghe o corte.

Lettera a chiocciola  e
La e è l'unica lettera di questo gruppo. Questa forma permette di mantenere solo due legature, orizzontale e diagonale, per tutto l'alfabeto.

Lettere zig-zag  v w x z
Queste sono le lettere con diagonali. La x è l'unica eccezione in cui il secondo tratto diagonale si esegue dal basso verso l'alto, per poter poi eseguire il legamento orizzontale e continuare a scrivere.

Le legature
La maggior parte delle lettere si lega alla successiva con una legatura diagonale. Si legano con legatura orizzontale le lettere o f v w x. La t si può unire alla successiva sia con tratto orizzontale che diagonale. Nel passaggio dal minuscolo al corsivo, alcuni bambini eseguono la legatura in modo rigido, con un tratto dritto diagonale dopo un'asta verticale. Il risultato è spesso una scrittura spigolosa e particolarmente impegnativa da eseguire. In questo caso è importante aiutarli ad ammorbidire il gesto accentuando la rotondità della grazia.

Difficoltà e opzioni
Dopo aver introdotto le legature e avviato il corsivo, se qualche bambino ha delle difficoltà con forme come s b e f si possono indicare delle alternative:
- alla s si può togliere la prima curva in alto, dato che per molti la doppia curva è difficile
- la b può essere eseguita con il giro inverso (che la rende più diversa dalla d e quindi più facile per i bambini dislessici)
- la f può essere eseguita con l'occhiello per rendere il tratto più scorrevole.

Nota sulle lettere l e h
Seguendo il principio base, per cui le forme delle minuscole restano invariate quando diventano corsive, anche l (elle) e h restano aste senza occhiello. Molti bambini però spesso scrivono queste lettere con occhiello e siccome non perdono nulla in leggibilità, io consiglio di non correggere questa loro interpretazione.